Verdicchio di Matelica

Il Verdicchio di Matelica Doc, il vino bianco più caratteristico delle colline maceratesi, si produce in una zona a ridosso della catena appenninica a cavallo tra le province di Macerata e Ancona, con epicentro nella città di Matelica. Precisazione la zona di produzione compren, in provincia di Ancona, parte del territorio dei comuni di Cerreto d'Esi e Fabriano e, in provincia di Macerata, parte del territorio dei comuni di Camerino, Castelraimondo, Esanatoglia, Gagliole, Matelica e Pioraco. Tra i suggestivi rilievi che movimentano il paesaggio di queste terre si ergono ogni tanto castelli medievali, costruiti nel periodo compreso tra il XII e il XIV secolo, da cui svettano altissime torri che costituivano un efficiente sistema di segnalazioni lungo tutto il territorio che dal mare Adriatico arriva fino all'alto Appennino. Tra le storie legate a questo vino vi è quella della passione che legava il musicista marchigiano Gioacchino Rossini ai vini della sua terra, tra cui il Verdicchio.

Viene prodotto nelle tipologie Verdicchio di Matelica, Spumante e Passito.

 Vitigno

Minimo 85% Verdicchio, possono concorrere altri vitigni a bacca bianca, presenti in ambito aziendale, idonei alla coltivazione nella Regione Marche, congiuntamente o disgiuntamente per un massimo del 15%.

 Caratteristiche

Aspetto

Questo vino ha colore giallo paglierino tenue con riflessi verdognoli. Tende al dorato con la maturazione e volge all'ambrato nel Passito.

Profumo

Il profumo è di frutta non completamente matura, fiori di prato degli altipiani, di sottobosco. Nel Passito diventa etereo e intenso.

Gusto

Il gusto è secco, morbido e suadente al primo impatto, volge al fresco con delicata fragranza amara. È armonico e vellutato nel Passito.

Gradazione

Il titolo alcolometrico volumico totale minimo è di 11,50% vol per la tipologia secco e spumante e di 15,00% vol per il Passito.

Età ottimale

L'immissione al consumo del vino a denominazione di origine controllata Verdicchio di Matelica Passito non può avvenire prima del 1° dicembre dell'anno successivo a quello di produzione delle uve.

 

 

 Zona di produzione

 Tipologie

  • Verdicchio di Matelica
  • Verdicchio di Matelica Spumante
  • Verdicchio di Matelica Passito

 Calice e servizio

Il Verdicchio di Matelica va servito entro due anni dalla vendemmia e a una temperatura di 8-10 °C in un calice di media capacità a tulipano svasato o ampio se più invecchiato (10-12 °C di temperatura).

 

 Abbinamento con i cibi

Il Verdicchio di Matelica viene associato ad antipasti crudi (molluschi bivalvi di varia specie), pesci dalle carni saporite e salsate, primi piatti di pesce; lasagne di mare, risotti di mare, brodetti tipici di pesce. Quando è più maturo, si abbina perfettamente con la sogliola dell'Adriatico e con lo stoccafisso all'anconetana. Viene anche abbinato a salumi della tradizione locale quali il Prosciutto di Carpegna, il Ciauscolo, il salame di Fabriano.