Artigiani ricamo

Ricamo

La parola ricamo indica sia l'attività artigianale del ricamare, sia il prodotto stesso di quell'attività. Tale oggetto è un disegno, una decorazione o un ornamento creato con ago e filo su un tessuto. È un'attività antichissima, ancora oggi praticata, che si sviluppa generalmente come lavoro artigianale o hobby diffuso in tutto il mondo.

Il ricamo artigianale può essere fatto a mano (decisamente molto più prezioso e costoso) o anche a macchina. Il ricamo a macchina oggi è molto usato soprattutto per stampare il nome o frasi particolari su manufatti di ogni genere (grembiuli da cucina, tovagliette, presine…), in modo da creare velocemente e su richiesta oggetti personalizzati da acquistare soprattutto nelle località turistiche.

Il ricamo a mano richiede molta perizia e una grande varietà di punti, ognuno con precise tecniche di esecuzione. Si può pensare che soprattutto alcuni punti siano nati dalla volontà di unire o sagomare teli in modo, oltre che funzionale, anche regolare, armonioso e infine decorativo, acquistando via via una valenza artistica. La preziosità dell'oggetto ricamato sta nell'accuratezza dell'esecuzione, nell'alta qualità dei materiali usati, nell'armonia della composizione.

Tra i vari tipi di ricamo si possono nominare il ricamo su disegno, il ricamo libero a fili contati, il ricamo riferito.

Il Ricamo su disegno necessita di un tamburello che tiene in tensione il disegno da ricamare e prevede appunto la preparazione e la scelta di un disegno o schema, da riprodurre accuratamente sul tessuto (a matita o a ricalcato) e da dipingere variamente con fili colorati o preziosi. Se non è previsto l'uso di fili colorati, parliamo di ricamo bianco su bianco, o di tono su tono che viene usato per capi di abbigliamento personalizzati, biancheria intima e biancheria per la casa.

Il Ricamo a fili contati prevede l'uso di tessuti a trama abbastanza larga e regolare da poterne contare i fili di tessitura, in modo da permettere l'esecuzione di ricami dai punti omogenei per grandezza. Il disegno non viene riportato sul tessuto. Si ricama direttamente sul tessuto contando i fili di ordito e di trama che devono essere ricoperti o lasciati a vista. Puntocroce, piccolo punto, punto quadro, punto reale, i punti a retino (o ajourés) e i punti tappezzeria appartengono a questo genere.

Fanno parte del Ricamo riferito i lavori che, pur rientrando come disegno nelle prime due categorie, non possono venir trasposti a matita a causa del materiale particolare che si vuole usare. Ad esempio per il ricamo su velluto o su seta esistono delle tecniche particolari di riporto del tracciato, ma quasi sempre si preferisce lavorare direttamente con l'ago, senza previo disegno su stoffa, con il solo riferimento visivo al dipinto originale che può ridursi a mero suggerimento. Lo stesso succedeva con i ricami in oro, essendo il filato molto difficile da gestire e tanto prezioso da non poter certo venir sprecato.