Condimenti

Condire significa rendere un cibo più piacevole e saporito mediante l'aggiunta di uno o più elementi, come ad esempio l’aceto o l’olio o il succo di limone. Il condimento può anche  essere un intingolo costituito da più ingredienti.

Tra i tipici condimenti marchigiani troviamo la sapa, considerata uno dei sapori tipici dell'alimentazione contadina. È uno sciroppo d'uva che si ottiene dal mosto appena pronto, di uva bianca o rossa. La sapa è detta infatti anche "mosto cotto", "vino cotto" o "miele d'uva". Squisita insieme ai formaggi stagionati e saporiti, la sapa si accompagna molto bene anche come condimento per l'insalata e come salsa per i gelati di crema e di panna. A Rosora, in provincia di Ancona, nella seconda metà di ottobre viene svolta una festa tutta dedicata alla sapa.

Altro tipico condimento marchigiano è l’agresto, un succo acido di uva verde o acerba, utilizzato sin dal Medioevo per la conservazione dei cibi e per la preparazione di molte salse. Era anche un modo per recuperare quei grappoli rimasti verdi, colti prima di giungere a maturazione. Caduto in disuso per la diffusione del limone, oggi è una salsa piuttosto ricercata, perfetta sulle carni suine, gli arrosti, la selvaggina.